Thursday, November 17, 2005

 

Torino 2006 - XX Olympic Winter Games


Only 85 days to go for the XX edition of the Olympic Winter Games hosted in Turin next year. The local organization has also managed to promote new forms of entertaiment along with the sports event. The Cultural Olympiads take place according to a programme of events proposed and organised by the host country on the basis of its own peculiar qualities and features and, when it comes to promoting its cultural heritage, Torino 2006 will have plenty to show the world.
A coordination body was created, supported by TOROC and including representatives of the Città di Torino, Provincia di Torino and Regione Piemonte, working in harmony with cultural organisations and institutions. A huge, far-reaching commitment designed to bring out the best of a great territory. The result is contained in a rich programme of events spread over a long period of time, but peaking during the XX Olympic Winter Games (February 10 to 26) and the IX Paralympic Winter Games (March 10 to 19).
The programme draws together a number of artistic disciplines: contemporary art, ancient and classical art; classical, contemporary and popular music; opera; theatre and theatre-dance; cinema and literature; history, society and special events.

Torino 2006 - XX Giochi Olimpici Invernali
Rimangono solamente 85 giorni all'inaugurazione delle XX olimpiadi invernali che si terranno a Torino il prossimo anno. L'organizzazione ha previsto una serie di attività culturali che si terranno parallelamente all'evento sportivo.
Le Olimpiadi della Cultura si svolgono secondo un programma proposto e organizzato dal Paese ospitante, in base alle proprie tradizioni e specificità sociali e culturali. L'organizzazione dei Giochi Invernali di Torino 2006 ha definito insieme agli Enti e le Istituzioni culturali un ricco cartellone di eventi che si svolge su un lungo periodo di tempo, pur concentrandosi nei giorni dei XX Giochi Olimpici Invernali (dal 10 al 26 febbraio) e dei IX Giochi Paralimpici (dal 10 al 19 marzo).
Il programma si compone di numerose discipline artistiche suddivise in sei categorie, oltre a una raccolta di eventi proposti da soggetti culturali presenti sul territorio, che prende il nome di "Dedicato a".

Wednesday, November 16, 2005

 

Brescia - Van Gogh and Gauguin



Where
Brescia, Museo di Santa Giulia
When
22 oct. 2005 - 19 mar. 2006

This exhibition, divided into 12 sections featuring 150 works composed of drawings and paintings from museums and private collections throughout the world, represents a true sensation for both the Italian and international exhibition circuit. Indeed, it is packed with masterpieces never before seen in Italy, and aims to narrate the human, poetical and artistic vicissitudes of two great nineteenth-century painters. And it intends to so in full, from the beginning to the end, and not just concentrating on the two months that the artists spent together in Arles in the autumn of 1888. Instead, it traces the whole story of both, in order to enable us to understand the verity of the subtitle of the exhibition itself: l’avventura del colore nuovo (the new colour adventure).

Brescia - Van Gogh and Gauguin
Questa esibizione, composta da 12 sezioni nelle quali sono rappresentate 150 opere provenienti da musei e collezioni private di tutto il mondo, rappresenta un avvenimento sensazionale sia per l'Italia che per il circuito internazionale. Sono presenti opera d'arte mai esposte prima d'ora in Italia e si propone di narrare le vicende umane, poetiche e artistiche dei due grandi pittori del novecento. E si propone di raccontare tutta la vicenda umana dei due, non solamente il periodo che i due vissero insieme ad Arles, nell'autunno del 1888. L'obiettivo della mostra è di farci capire lo spirito del suo sottotitolo: "l’avventura del colore nuovo ".

 

Rome - Colosseum

The Colosseum is really a symbol of Rome and of Italy in general. Isn't this picture beautiful?

Il Colosseo
Il Colosseo è un simbolo di Roma e dell'Italia in generale. Non è meravigliosa questa foto?

Tuesday, November 15, 2005

 

Sardinian Roulades


Make regular slices from the meat piece, even dividing a high slice into two pieces and flattening them with the meat pounder; place some ham steak over these slices with its fat and some sage. Close everything rolling it up and stopping with a stick, then flour the roulades, salt and pepper them, and drizzle with red wine. In another container put the peeled and cut tomatoes, add some broth of bouillon cubes and leave cooking for 20 minutes. Blend the mix to the roulades.

TIMING
40 minutes

DIFFICULTY
Zero

CALORIES FOR PORTION
290

INGREDIENTS FOR 4 PEOPLE
600 grams of calf shoulder or fusello, 100 grams of ham steak, 3 gravy tomatoes, 1 bouillon cube, white flour, red wine, sage, oil, salt and pepper.

SUGGESTED WINES
Nepente di Oliena.

Involtini alla Sarda
Cercate di ricavare delle fettine regolari dal pezzo di carne, magari dividendo in due una fettina alta e appiattendola con il batticarne; sopra queste fettine ponete del prosciutto cotto con il suo grasso ed un poco di erba salvia. Chiudete arrotolando e fermate con uno stecco, quindi infarinate gli involtini, salate, pepate ed irrorate con vino rosso. In un altro recipiente mettete i pomodori pelati tagliati a pezzetti, aggiungete un po’ di brodo di dado e lasciate cuocere per 20 minuti. Unite poi il tutto agli involtini.

TEMPO
40 minuti

DIFFICOLTA’
Nessuna

CALORIE PER PORZIONE
290

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
600 grammi di vitello nella spalla o nel fusello, 100 grammi di prosciutto cotto, 3 pomodori da sugo, 1 dado per brodo, farina bianca, red wine, salvia, olio, sale, pepe.

VINI CONSIGLIATI
Nepente di Oliena.

Monday, November 14, 2005

 

Sardinia


Rome, Venice, Florence are some of the most unique cities in the world, but there are many other wonderful, albeit less known, places in Italy.
For example, have you ever been to Sardinia? I wanna give you three good reasons to come here if you never visited it, and to come back if you already had this chance. The Region in which I grew up and where I live is an island slightly smaller than Sicily (but bigger than the State of Israel) collocated in the middle of the Mediterranean Sea.
The first reason to see Sardinia is its natural beauty. For many expert voyagers Sardinia has some of the most stunning beaches in the World. Truly, the most famous sea cost area is the Costa Smeralda, well known for the massive presence of international VIPs during the summer season, but many more localities are as much awesome and unique. One of my favourites is Cala Giunco at Villasimius (south - west), where you can also see the flamingos getting tanned at few meters from the sea. My intention is to dedicate an article to this summer paradise, so I won’t enter into much details now.
So, the beaches…there are for any kind of tastes. Some of them extend for miles, like the Cagliari’s beach named Poetto (Cagliari is the capital of the island, my own city); others are just few INCHES LONG and can be reached only from the sea. We have rocky beaches, those with fine sand and those with GROSSA sand. There are places where you can walk just few meters to get rid of the wind (the wind is a friend of Sardinia, but we don’t love it particularly, especially the mistral that comes from North-West. But it helps to mitigate the climate and to keep the sky clean). There are beaches with ONDE (some very good for surfers) and others with the water that doesn’t elevate more than your ankle, where you can play tennis beach. I’ll talk another day about the natural beauties that are not linked to the coast; even the inner part of Sardinia deserves to be carefully explored. To sum it up about Sardinia coast wonders I wanna let you know that the Forte Village has bees voted best resort in the world for the last five or so years. Anything else to say?
The second reason that justifies the ticket to Sardinia is its food. Well, on this topic I bet no one will be disappointed: from fish to meat, Sardinia kitchen is well tuned with the Mediterranean diet, with its richness of flavours, perfumes, sensations. The second entry dish of this week is also dedicated to the Sardinia tradition. One of the most renowned specialties is the “porchetto arrosto” (roasted pig) that is prepared and served all over the island. A curiosity: in just few areas of the inner part of the island, the pig is cooked with an old system, maybe not very practical, but quite suggestive. The animal is wrapped in some herbs and buried under 1 meter of land where it gets naturally cooked. My favourite portion to eat are the “cotenna” (the external meat) and the costole (chops).
Lastly, as some of you may already have understood, the final and winning reason to come in Sardinia are its women. Not that the men are worth nothing, but at the moment they don’t enjoy as much important acknowledgments. The Sardinian beuty is typically Mediterranean, usually not very tall but remarkably proportionate, with huge and expressive eyes, their most easily identifiable feature. Sardinian women speaks with their large, sweet and dreaming eyes. During the last years Sardinian women beauty has been recognized both at national and international level. Alessandra Meloni has won the title of Miss Italia while others have obtained good placements. Giorgia Palmas has reached the second place in the Miss Universo competition. Giorgia has also starred in “Striscia la notizia” one of Italy’s most successful TV show. She worked in the Canale 5 show immediately after another Sardinian gorgeous lady, Elisabetta Canalis, probably my favourite (after my woman of course!!). It looks like in this show Sardinian ladies are the favourite ones, because also today starring is a 20 years old beauty of my land.
So, did a make my point? See you in Sardinia.


La Sardegna
Roma, Firenze, Venezia sono tra le più straordinarie città al modo. Ma ci sono molti altri posti meravigliosi, benchè meno conosciuti, in Italia.
Per esempio, siete mai stati in Sardegna? Vi voglio dare almeno tre buone ragioni per venirci se non ci siete mai stati e per ritornarci se l’avete già visitata. La regione in cui sono nato e vissuto è un’isola poco più piccola della Sicilia (ma, per fare un esempio, più grande dello Stato d’Israele) situata al centro del Mar Mediterraneo.
La prima ragione per venirci è la sua bellezza. La Sardegna dispone a detta di molti esperti viaggiatori di alcune delle spiagge più belle al mondo. Naturalmente la zona costiera più famosa è la Costa Smeralda, celebre per l’abbondanza di Vip durante l’estate, ma molte altre località sono altrettanto meravigliose e uniche. Una delle mie favorite è la spiaggia del Giunco a Villasimius (sud est), dove si possono anche vedere i fenicotteri rosa prendere il sole a pochi metri dal mare. A Villasimuis ho intenzione di dedicare un articolo a parte quindi non rimango a descriverla ulteriormente. Le spiagge dunque; c’è ne per tutti i gusti. Lunghe chilometri come il Poetto di Cagliari, la capitale della Regione Sardegna, o pochi metri come l’infinito numero di calette raggiungibili solamente dal mare. Ci sono quelle rocciose, quelle con la sabbia fine, quelle con la sabbia grossa. Ci sono località dove ci si può spostare di pochi metri per rimanere coperti dal vento. (Il vento è un amico della Sardegna; a noi sardi non piace molto, specialmente il maestrale che soffia da nord-ovest. Ma favorisce un clima temperato e assolutamente poco nuvoloso.) Ci sono spiagge con le onde (alcune ottime per i surfisti) e altre con l’acqua bassa fino alle caviglie, dove si può camminare o giocare con le racchette. Parlerò un’altra volta sulle bellezze che non sono necessariamente legate alla costa; anche l’interno della Sardegna merita di essere visitato a lungo. Per finire sulle bellezze costiere ricordo che il Forte Village Resort è votato da oltre cinque anni come il migliore resort al mondo!!! Cos’altro aggiungere?
La seconda ragione per cui vale la pena venire in Sardegna è il suo cibo. Beh, su questo fronte nessuno rimarrà insoddisfatto: dal pesce alla carne la Sardegna in cucina rispetta tutti i crismi della dieta mediterranea, con la sua ricchezza di sapori, profumi e sensazioni. La ricetta di questa settimana è appunto dedicata ad un secondo della cucina sarda. Una delle specialità più rinomate è il porchetto arrosto, che viene preparato e servito in tutte le zone dell’isola. Una curiosità: in poche aree dell’interno il porchetto viene cucinato con un vecchio sistema forse poco pratico ma molto suggestivo. L’animale viene avvolto tra delle erbe e sotterrato a circa 1 metro di profondità in buche che vengono riscaldate dalla superficie. Le mie parti preferite del porchetto sono la cotenna e le costolette.
Infine, come alcuni avranno certamente capito, l’ultima e vincente ragione per visitare la mia terra sono le sue donne. Non che gli uomini siano da buttare via, ma al momento non godono di riconoscimenti altrettanto rimarcabili. La bellezza sarda è tipicamente mediterranea, a volte minuta di statura ma decisamente proporzionata, con grandi ed espressivi occhi che ne fanno la caratteristica più facilmente riconoscibile. Le donne sarde parlano con gli occhi, larghi dolci e sognanti. Negli ultimi anni la bellezza delle donne sarde è stata riconosciuta sia nel concorso Miss Italia che è stato vinto da Alessandra Meloni e dove altre mie conterranee hanno ottenuto ottimi piazzamenti, sia a livello internazionale; Giorgia Palmas è arrivata seconda a Miss Universo. Sempre la stessa Giorgia è stata velina in televisione, subito dopo la splendida Sassarese Elisabetta Canalis alla quale vanno le mie preferenze (dopo la mia donna ovviamente!!). Sembra che al programma di Canale 5 le sarde piacciano molto perché anche quest’anno una delle due veline è appunto sarda: Melisa Satta.
Allora vi o convinto? Vi aspetto in Sardegna.

Friday, November 11, 2005

 

Soccer: Italia vs Netherlands


Tomorrow Italy will play one of its most difficult games to the road of the World Championship (next year in Germany).
Del Piero wants to play and is tired to be a second choice of Totti.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?